studio@sepabuilding.it

facebook
logo_studio_
Aggiungi ai preferiti
Corso Alcide De Gasperi 31, 10129 Torino

studio@sepabuilding.it

0111

Segnala ad un amico

011 54903449

Stampa
top_image

Bonus ristrutturazione edilizia

INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO, SISMA BONUS: Decreto Rilancio 2020

Con il SuperBonus 110 è possibile ristrutturare il tuo immobile a costo zero, Sepabuilding collabora con alcuni partner nel territorio nazionale, General Contractor e Imprese, che offrono al cliente la ristrutturazione totale chiavi in mano a costo zero, mediante lo sconto diretto in fattura o la cessione del credito.

bonus_casa

A fronte del superbonus 110% di cui al decreto Rilancio, il beneficiario può, invece che fruirne nella forma della detrazione fiscale in 5 quote annuali di pari importo, optare:

Il decreto Rilancio, nell’ambito delle misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonché di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da Covid-19, ha incrementato al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, a fronte di specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di interventi di riduzione del rischio sismico, di installazione di impianti fotovoltaici nonché delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici. Con la Legge di Bilancio 2021 il superbonus 110% è stato prorogato fino al 30 giugno 2022 e, solo per i condomìni che al giugno 2022 hanno concluso almeno il 60% dei lavori, fino al 31 dicembre 2022.

per lo sconto diretto in fattura oppure per la cessione di un credito d’imposta corrispondente alla detrazione spettante, ad altri soggetti, ivi inclusa l’impresa esecutrice dei lavori ed istituti di credito e altri intermediari finanziari, con facoltà di successive cessioni. Per maggiori informazioni contattaci.

Le nuove disposizioni che consentono di fruire di una detrazione del 110% delle spese, si aggiungono a quelle già vigenti che disciplinano le detrazioni dal 50 all’85% delle spese spettanti per gli interventi di: 1) recupero del patrimonio edilizio, in base all’articolo 16-bis del Tuir inclusi quelli di riduzione del rischio sismico (cd. sismabonus) attualmente disciplinato dall’articolo 16 del decreto legge n. 63/2013 2) riqualificazione energetica degli edifici (cd. ecobonus), in base all’articolo 14 del decreto legge n. 63/2013. Per questi interventi, attualmente sono riconosciute detrazioni più elevate quando si interviene sulle parti comuni dell’involucro opaco per più del 25% della superficie disperdente o quando con questi interventi si consegue la classe media dell’involucro nel comportamento invernale ed estivo, ovvero quando gli interventi sono realizzati sulle parti comuni di edifici ubicati nelle zone sismiche 1, 2 o 3 e sono finalizzati congiuntamente alla riqualificazione energetica e alla riduzione del rischio sismico.

Decreto Rilancio (Decreto-Legge 19 maggio 2020, n. 34)

Il Superbonus spetta, a determinate condizioni, per tutte quelle spese sostenute per interventi fatti su:

  • parti comuni di edifici;
  • unità immobiliari funzionalmente indipendenti e con uno o più accessi autonomi dall’esterno, situate all’interno di edifici plurifamiliari;
  • singole unità immobiliari.

INTERVENTI PRINCIPALI O TRAINANTI

Il Superbonus spetta in caso di:

  • interventi di isolamento termico sugli involucri
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti
  • interventi antisismici

INTERVENTI AGGIUNTIVI O TRAINATI

Oltre agli interventi trainanti sopra elencati, rientrano nel Superbonus anche le spese per interventi eseguiti insieme ad almeno uno degli interventi principali di isolamento termico, di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale o di riduzione del rischio sismico. Si tratta di

  • interventi di efficientamento energetico
  • installazione di impianti solari fotovoltaici
  • infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici

VANTAGGI

La detrazione è riconosciuta nella misura del 110%, da ripartire tra gli aventi diritto in 5 quote annuali di pari importo, entro i limiti di capienza dell’imposta annua derivante dalla dichiarazione dei redditi. In alternativa alla fruizione diretta della detrazione, è possibile optare per un contributo anticipato sotto forma di sconto dai fornitori dei beni o servizi (sconto in fattura) o per la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante.

La cessione può essere disposta in favore:

  • dei fornitori dei beni e dei servizi necessari alla realizzazione degli interventi
  • di altri soggetti (persone fisiche, anche esercenti attività di lavoro autonomo o d’impresa, società ed enti)
  • di istituti di credito e intermediari finanziari.

I soggetti che ricevono il credito hanno, a loro volta, la facoltà di cessione.

Guida Ristrutturazioni Edilizie 2020

Guida_Superbonus110

Contattaci per un sopralluogo e un preventivo gratuito:

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder